Consigli utili per i genitori…

La psicologa: «Le punizioni
servono con i bambini piccoli,
ma non con gli adolescenti»

[R. SAL.] milano

Professoressa Silvia Vegetti Finzi, lei insegna psicologia dinamica all’Università di Pavia ed è una delle più importanti psicologhe italiane: facciamo un elenco dei comportamenti dei genitori per ottenere buoni risultati scolastici dai figli. Prima leva: la punizione. Serve?
«Soltanto quando i bambini sono piccoli, vanno alle elementari o nella scuola media inferiori. Quando crescono, il ricatto (punizione o premio) funziona poco o niente».«Dire a un ragazzo che è un incapace non lo stimola a far meglio, lo deprime e basta. Dirgli: “La concorrenza è spietata, ci sarà posto soltanto per pochi, perciò studia e dai il massimo” non ha senso per un adolescente, troppo occupato nella costruzione di sé».

E il metodo sergente dei marines? «Sei un buono a nulla, mi devi dimostrare che vali»?

Poi ci sono quelli che elogiano sempre i figli, a dispetto dei risultati.
«Le lodi fanno bene, ma non devono essere esagerate, specialmente se non sono realistiche. Creano illusioni. E i ragazzi lo capiscono benissimo». «I ragazzi sono più fragili e soli. L’autostima dipende dal padre e si consolida nel tempo. I genitori devono allearsi con la parte positiva dell’io dei figli: questo li rafforzerà».«I risultati migliori li hanno i figli degli insegnanti. Significa che molto dipende dal clima familiare. Se un ragazzo capisce che studiare è utile per costruire la sua autonomia, passare due ore al giorno sui libri non gli sembrerà così terribile».

C’è un problema di autostima?

Ma c’è un sistema per far venire voglia di studiare a chi non ce l’ha?

Da non dire
Minacciare
«Se non studi, niente uscite il sabato sera e niente paghetta per due mesi»
Promettere
«Se studi ti compro la moto e ti pago il viaggio con gli amici»
Lodare eccessivamente
«Sei così brillante, intelligente, non ha quasi bisogno di studiare!»
Svalutare
«Sei un incapace, resterai per sempre un fallito»
Caricare di responsabilità
«Mi aspetto il massimo. Non mi devi deludere»

Da dire
Parlare
«Ho visto che la scuola non va bene. C’è qualcosa che non va?»
Incoraggiare l’impegno
«Apprezzo i tuoi sforzi. Mi fido che farai del tuo meglio»
Aiutare l’autostima
«Questa materia è difficile, ma perché pensi di non farcela? Datti una possibilità»
Far leva sul talento
«Sei bravissimo a giocare a scacchi (alla playstation, o altro…): puoi usare le stesse capacità a scuola»
Fare da specchio
«Hai molte buone qualità, sei creativo, hai intuizione, hai più possibilità di quelle che credi»

2017-02-04T15:05:18+00:00

Leave A Comment